Compiti delle vacanze. Sì o no?

Quanti, come perchè!

Di Maruska D’agostino, pedagogista, maruska.dagostino@gmail.com

 

La consuetudine tanto radicata nella nostra cultura scolastica di assegnare agli alunni di tutte le età i compiti delle vacanze estive dipende forse dal fatto che l’Italia è uno dei paesi europei in cui la chiusura estiva delle scuole dura di più.

Ma sono necessari i compiti delle vacanze? Davvero contribuiscono al consolidamento della cultura dei nostri figli, migliorando la loro preparazione e allenando le loro giovani menti? Oppure “servono” solamente ad incrinare le famigerate vacanze a bambini e rispettivi genitori?

Sull’argomento hanno ampiamente discusso esperti di didattica, insegnanti, genitori, giornalisti. Purtroppo tra le istituzioni scolastiche non vi è omogeneità e, in merito ai compiti delle vacanze, circolano le opinioni e le riflessioni più disparate. Sebbene gli ultimi Ministri dell’Istruzione abbiano invitato i docenti a “non esagerare” nell’assegnazione dei compiti, la maggior parte degli insegnanti non intendono rinunciarvi, considerando l’allenamento didattico estivo qualcosa di indispensabile.

Questi ultimi sostengono che le pause estive possano costituire uno stop all’apprendimento, dannoso per il bambino che, in assenza di compiti, non potrà dedicarsi al consolidamento delle competenze acquisite durante l’anno scolastico e colmare eventuali lacune, ma soprattutto non riuscirà ad affrontare il successivo anno di scuola nel  giusto modo.

Maruska D’Agostino
Mamma,docente di Scuola Primaria e dell’Infanzia,
pedagogista presso Nisaba – studio pedagogico, via Ettore Brambilla 18, Cantù (CO)
maruska.dagostino@gmail.com, IG: @maruskadagostino

D’altro canto non mancano coloro che hanno definito i “compiti delle vacanze” un ossimoro, una contraddizione in termini, un assurdo logico e pedagogico; voci autorevoli reputano i compiti estivi una prassi non necessaria al benessere dei bambini, e che pertanto dovrebbe essere abolita senza troppi rimpianti. Secondo questo punto di vista, i bambini sono ormai sovraccarichi di impegni scolastici ed extrascolastici, per cui necessitano di un tempo di riposo in cui ricaricare le batterie e dedicarsi al cosiddetto “gioco libero”, negato durante l’anno a causa di agende fitte e ritmi serrati.

A tal proposito, la giusta posizione è sempre quella che sta “nel mezzo”, quella che non condanna i compiti da svolgere a casa durante le vacanze estive, ma che lascia il giusto tempo ai bambini per riappropriarsi di se stessi, del loro spazio di vita  e delle relazioni sociali e familiari.

Senza dubbio i compiti delle vacanze sono utili, soprattutto durante la scuola primaria, periodo in cui i bambini stanno acquisendo abilità strumentali di base e devono, di conseguenza, automatizzare tutte quelle competenze relative all’ambito linguistico come la lettura e la scrittura e all’ambito logico-matematico come il risolvere problemi e il fare di calcolo. Allo stesso tempo però i compiti non devono essere un assillo per i bambini e un motivo di scontro quotidiano con i loro genitori; non devono in alcun modo suscitare odio e repulsione per la scuola e in generale per la cultura.

 

Come fare allora per affrontare i compiti delle vacanze al meglio ed evitare che diventino un problema per tutta la famiglia?

La cosa ottimale sarebbe trovare un equilibrio tra il troppo e il  troppo poco, andando da un lato a esercitare le abilità didattiche richieste e dall’altro a far sì che le vacanze estive siano davvero tempo di riposo necessario per ricaricare corpi, anime e menti.

Il primo consiglio che è doveroso dare ai genitori è quello di non ritrovarsi a settembre con tutto il lavoro ancora da svolgere. Sarebbe opportuno cercare di distribuire i compiti durante l’intero periodo di chiusura delle scuole, stabilendo insieme al bambino dei ritmi da seguire: un’ora al giorno, per esempio, oppure un certo numero di pagine da leggere o di esercizi da eseguire tutti i pomeriggi.  Con i bambini più grandi, si può scegliere di dedicare ogni giorno della settimana a una determinata materia, garantendo comunque dei momenti di totale riposo.

Il genitore, inoltre, può condividere con i propri figli il tempo dedicato allo studio, sfruttandolo per esempio per leggere un libro, rispondere a e-mail, sistemare la contabilità o lavorare da casa mentre i bambini fanno i compiti. Un altro spunto potrebbe essere quello di leggere i libri consigliati per l’estate dagli insegnanti, così da poter poi condividere pareri e riflessioni coi propri figli.

Sarebbe invece del tutto controproducente sostituirsi a loro nello svolgimento dei compiti delle vacanze, perché finirebbe col de-responsabilizzarli e minare la fiducia in loro stessi. Meglio lasciare che sbaglino, piuttosto che “fare al posto loro”.

 

E nella pratica quotidiana? Alcuni suggerimenti per lo svolgimento dei libri delle vacanze.

 Personalizzate: non sempre è necessario seguire l’ordine degli argomenti suggerito dal testo. I libri per le vacanze non vanno svolti in sequenze dalla prima pagina all’ultima, rispettando l’ordine del testo. Se siete al mare, cercate letture, disegni, rompicapi che abbiano a che fare con ciò che il bambino sta sperimentando nella quotidianità.​

Fate compromessi: un argomento lo sceglie vostro figlio, l’altro lo scegliete voi. Scegliete una pagina di compiti voi genitori e fatene scegliere una al bambino, in modo che ogni giorno possa fare qualcosa di gradito e qualcosa che lo interessa un po’  meno (evitando di lasciare a Settembre tutti gli esercizi di una stessa disciplina!).

 

Siate elastici! Non mostratevi troppo inflessibili, ma concedete delle pause nei momenti di maggiore stanchezza o in occasione di giornate speciali, garantendo comunque una pausa di totale relax nelle prime settimane dopo la fine dell’anno scolastico.

 

Siate fantasiosi e creativi! Se i bambini capiscono che quello che imparano a scuola è utile nella vita di tutti i giorni si sentiranno più motivati. Ad esempio, il calcolo a mente si può allenare anche sulla spiaggia!!

Parola d’ordine: no panic! Non caricatevi di ansia né trasformatevi in aguzzini se vostro figlio non ha completato tutto il libro delle vacanze. L’importante è l’esercizio: come e dove viene fatto, poco importa!

 

Concludendo, il ruolo più importante del genitore è quello di far intuire ai propri figli che lo studio è una cosa importante, stimolandoli ad essere curiosi e appassionati nella realtà quotidiana oltre che scegliere con raziocinio e moderazione cosa e quanto sia più giusto per i propri figli.

 

Scuola primaria…non ti temo!

I bambini dell’ultimo anno della scuola dell’infanzia si apprestano ad affrontare un nuovo viaggio, quello verso la scuola primaria. E allora, quali sono le attività da proporre ai futuri alunni che si possono svolgere durante l’estate in attesa del primo giorno di scuola?

Meglio non forzare i vostri bambini con attività troppo scolastiche, ma proporre loro giochi finalizzati allo sviluppo della letto-scrittura, della motricità fine, utile per imparare a scrivere bene  e delle abilità logico-matematiche.

Ecco 3 semplici attività per prepararsi alla scuola primaria.

Esercitare la coordinazione oculo-manuale

Prendere piccoli oggetti con le pinze o con le mollette, infilare le perline di una collana, colorare nei bordi e in spazi piccoli, intrecciare fili e nastri, usare forbici, fare semplici esercizi di prescrittura, cucinare biscotti fatti in casa, realizzare collage: sono tutte attività stimolanti da svolgere insieme.

Allenare attenzione e concentrazione

Si possono invitare i bambini ad ascoltare storie e proporre attività di gioco che richiedono un livello di concentrazione sempre più elevato come per esempio i giochi di memorizzazione.

Sviluppare il linguaggio

Il linguaggio dei bambini di 5 anni spesso è già molto fluido, ad ogni modo possiamo proporre diverse attività volte allo sviluppo e all’ampliamento del bagaglio lessicale. Molto utili sono i libri con immagini e parole, stimolando i bambini ad indicare il nome dell’oggetto e a formulare frasi con la parola in questione.

Non dimentichiamo ovviamente i piccoli obiettivi di autonomia indispensabili per affrontare questo viaggio verso la scuola primaria nel migliore dei modi!